cefalea e Cervicalgia da stress

cefalea

Lo stress, sia fisico che psichico, insieme ad altri fattori emotivi contribuisce a scatenare il mal di testa. Questo accade sia perchè quando si è agitati si tende a irrigidirsi e tenere contratti i muscoli del collo, sia perchè “l’ansia” provoca delle alterazioni a livello del nostro sistema nervoso che si manifestano come “dolore alla testa”.

Per prevenire il mal di testa scatenato dallo stress, la soluzione migliore sarebbe quella di eliminare le situazioni che lo provocano, ma spesso è impossibile.
Un valido aiuto, oltre a riconoscere le cause dello stress e, conseguentemente, imparare a gestirlo, potrebbe essere rappresentato dall’osservanza di alcune semplici regole:

affrontare ogni situazione con calma, senza farsi assalire dall’ansia da prestazione;

nel campo lavorativo è opportuno programmare per tempo i propri impegni, in modo tale da non giungere impreparati alle scadenze e da poter affrontare anche un lavoro improvviso ed urgente;

cercare di vivere al meglio le proprie emozioni e i cambiamenti importanti della vita (lutto, trasloco, licenziamento e cambio di lavoro, matrimonio, nascita di un figlio), condividendoli con i propri cari. Spesso, parlare con chi ci ama e ci circonda aiuta a superare lo stress;

in caso di impegni eccessivi, soprattutto per le donne, oggi sempre di più divise tra lavoro e famiglia, è opportuno farsi aiutare da qualcuno, anche nelle semplici faccende domestiche;

non condurre una vita troppo frenetica, priva di interruzioni o di attività ricreative, perché ritmi simili portano a un accumulo di tensioni psico-fisiche;

nel momento in cui ci si rende conto di essere stressati, bisogna far ricorso a tecniche di rilassamento: in questo modo si può riuscire ad arginare l’attacco di cefalea;

cercare di andare a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora, in modo da non alterare i ritmi biologici. Tuttavia, poichè nei momenti di particolare agitazione anche dormire può divenire un problema, si può bere una bevanda rilassante prima di coricarsi (camomilla, malva, tiglio, biancospino, passiflora…)

quando possibile dormire in stanze fresche e non rumorose: si diminuiscono, così, i fattori in grado di scatenare il mal di testa e , riposando meglio, si è meno stressati

evitare gli sforzi eccessivi, ma praticare sport che aiutino a “scaricare” le tensioni, come ad esempio: nuoto, tennis, karate, corsa e squash.

Nota Bene:

dopo aver sostenuto una prova importante, come un esame, è fisiologico avere mal ditesta durante la fase di rilassamento, perchè in quel momento il nostro corpo rilascia particolari sostanze attivanti il dolore (neurotrasmettitori).

Imparare a gestire lo stress e le emozioni “forti” è il segreto per non incorrere nel drammatico mal di testa.

 

Lascia un commento